Homepage>Guide per le aziende>News del settore Ho.Re.Ca.>Come avviare un ristorante a km 0? I consigli di chi lo ha fatto con successo
time4 minuti di lettura

Come avviare un ristorante a km 0? I consigli di chi lo ha fatto con successo

Avviare ristorante a km0

Indice dei contenuti

L’apertura di una nuova attività del settore della ristorazione è sempre un evento bellissimo, se poi offre prodotti a km 0 ancora di più! Ma cosa si intende con questo termine, e come avviare un ristorante ecosostenibile? Abbiamo chiesto ai migliori ristoranti a km 0 come hanno fatto a raggiungere il successo e siamo qui per raccontarti tutto quello che abbiamo scoperto!

Che cosa sono i ristoranti a km 0?

Nel caso in cui ci fossero dubbi sul significato di questo termine, vogliamo iniziare con una breve ma necessaria spiegazione in perfetto stile Camerieri.it. I prodotti a km 0 si chiamano così perché in teoria “percorrono zero chilometri” dal momento in cui vengono prodotti fino a quando arrivano nelle case dei consumatori finali, evitando in questo modo i processi produttivi tipici della grande distribuzione alimentare. Tuttavia si tratta di una distanza indicativa, insomma… Qualche km lo devono compiere per forza!

Sulla stessa lunghezza d’onda troviamo i ristoranti a km 0, vale a dire quelle attività del settore della ristorazione che offrono prodotti tipici del territorio, la maggior parte delle volte legati a specifiche tradizioni culinarie. Praticamente quasi tutto quello che possiamo trovare nel menù di una di queste attività potrebbe essere stato raccolto, coltivato, allevato, preparato direttamente nelle vicinanze.
La possibilità di mangiare a km 0 è sicuramente un plus, non solo perché gli ingredienti e le materie prime sono molto più sani e la qualità è maggiore ma anche perché indirettamente contribuiamo ad accrescere l’indice di sostenibilità gastronomica. Per non parlare del gusto incredibile che proverà il nostro palato!

In molti pensano che si tratti di un format di ristorazione che segue una moda passeggera, ed in effetti l’alimentazione sostenibile è piuttosto gettonata in questi ultimi anni. In realtà è già da diverso tempo che queste attività offrono proposte a km 0 sul mercato: basti pensare a tutti i ristoranti che si trovano in località molto turistiche che vogliono far conoscere ai visitatori i prodotti della loro terra. Quel che è certo è che si tratta di un business che sicuramente continuerà ad espandersi, proprio perché le persone sono sempre più attente a tematiche di questo tipo e sempre più disposte a pagare per un’offerta del genere. E grazie all’’evoluzione della ristorazione ci saranno sempre più ristoranti così!

Come avviare un ristorante a km 0: i nostri consigli

I consigli che ti proporremo - che in realtà sono frutto di interessanti chiacchierate con alcuni dei locali più famosi che offrono ristorazione a km 0 - non hanno a che fare con costi, procedure e documenti burocratici. Vogliamo al contrario esporre due dei tanti pensieri emersi che secondo noi, se vuoi avviare una tuo progetto nell’ambito della cucina sostenibile, non puoi di certo non conoscere!

Fai accordi e partnership strategiche con produttori locali

L’unione fa la forza, specialmente nel settore della ristorazione. Potresti essere un imprenditore in gamba, ma non è detto che tu debba per forza possedere una tua coltivazione oppure essere in grado di procurarti i prodotti in modo autonomo. E allora, che si fa? Ci sembra ovvio: si cercano alleati con cui mettersi in affari. Primi tra tutti i produttori locali, che si riveleranno molto utili! In questo modo avrai la possibilità di garantire ai tuoi clienti una proposta ricca e costante, e allo stesso tempo sostenere queste persone che spesso fanno fatica a vendere i loro prodotti. Ti possiamo garantire che godrai così di un'ottima immagine positiva agli occhi altrui, oltre che aver contribuito ad un’opera davvero lodevole!

Scegli per la tua squadra persone che conoscono la cucina a km 0

Non c’è niente di più importante dell’avere fianco a fianco - pronte a spalleggiarti - persone che ne sappiano. I piatti non si preparano di certo da soli e tantomeno possono raccontarsi da soli alla clientela, per questo è essenziale che il tuo personale di sala e di cucina sia esperto dell’argomento. Ogni format ristorativo prevede requisiti e competenze diverse, a seconda del menù e del tipo di prodotti che decidi di offrire ai tuoi clienti. Lo stesso vale per quelli a km 0! Se i professionisti della tua squadra saranno molto preparati, il tuo ristorante riuscirà ad acquisire maggiore autorevolezza.

E se si tratta di ricerca del personale per la ristorazione, Jobtech non vede l’ora di sostenerti! Con i nostri servizi di somministrazione di lavoro e outsourcing ti aiuteremo a selezionare i professionisti da inserire nella tua squadra: non vediamo l’ora di conoscerti!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Hai sempre desiderato aprire un tuo locale ma pensi di non essere ancora abbastanza pronto? L'home restaurant potrebbe fare proprio al caso tuo: scopri tutto quello che c'è da sapere su questa attività!
Leggi guida
Non sai ancora come arredare la sala del tuo ristorante? Non preoccuparti, ci pensa Camerieri.it!
Leggi guida
Sogni da sempre di aprire la tua attività ristorativa nel 2021/2022 e non sai che puoi usufruire di fondi europei per la ristorazione, fondo perduto e incentivi statali? Ecco un articolo che non puoi perderti!
Leggi guida