Homepage>Guide per le aziende>Competenze & Gestione>Come rendere coesa la brigata di sala e di cucina
time4 minuti di lettura

Come rendere coesa la brigata di sala e di cucina

Le persone felici sono più motivate, lavorano meglio e portano risultati di eccellenza alle organizzazioni per cui lavorano. Oggi vogliamo parlare di come portare coesione e felicità nella brigata del tuo ristorante.

Come rendere coesa la brigata di sala e di cucina

Indice dei contenuti

Un argomento a cui - secondo la nostra opinione - non si presta sufficiente attenzione, perché la brigata di un ristorante - sia essa quella di sala o di cucina - vive le stesse dinamiche di un team dedicato a svolgere altre professioni. Per lavorare al meglio servono coesione, obiettivi condivisi e supporto da parte del datore di lavoro: se è questo vuoi perseguire, questa guida fa decisamente al caso tuo!

Come fidelizzare la brigata?

Fidelizzare significa costruire un team su cui puntare e investire, sia in sala che in cucina. Perché farlo? Per non ritrovarsi con dimissioni all’ultimo minuto, personale insoddisfatto e un clima di lavoro teso.

Sai che soddisfazione vedere i progressi della brigata, circondarsi di collaboratori destinati a rimanere e prendere atto di aver unito indissolubilmente tante persone, tanti percorsi e tante storie diverse, accomunate dal tuo ristorante?

Creare la brigata perfetta: i consigli per farlo nel modo giusto!

Ogni situazione è a sé, ogni brigata è unica come uniche sono le dinamiche umane che governano le relazioni. L’obiettivo di questa guida è condividere ciò che abbiamo appreso grazie a Camerieri.it, mettendolo al servizio di chi desidera migliorare il proprio ambiente lavorativo in ambito ristorativo!

Definire le gerarchie

Non significa che il capo è un gerarca infallibile, che si limita a dire ai colleghi cosa devono fare. Secondo noi definire le gerarchie è importante per questioni di organizzazione, prioritizzazione dei task e benessere organizzativo.

Chi beneficia di gerarchie ben definite può contare anche su un benefit rilevante: tutti sanno a chi rivolgersi in caso di problemi, incomprensioni o urgente.

Promuovere un ambiente di lavoro sano

È altamente improbabile che le persone che si trovano a lavorare nella stessa brigata - ambiente frenetico e veloce per definizione - non avranno mai neanche una piccola discussione.

L’ambiente di lavoro sano è quello in cui i problemi vengono alla luce, se discute di come risolverli e li si risolve davvero. Cerchiamo di scongiurare invidie, questioni irrisolte che altro non fanno che generare malcontento!

Retribuzioni commisurate ai profili

Non servono miliardi e depositi di dollari come quello di zio Paperone, per permettere ai dipendenti di avere un tenore di vita dignitoso. Il punto è molto semplice: chi tiene ai lavoratori, li paga.

Ragiona bene sulle retribuzioni, in modo che non ci siano ingiustificate disparità tra i dipendenti. In caso tu non lo sapessi, i dipendenti parlano, e parlano anche di quanto guadagnano.

Momenti di confronto

Ti sembra che quel dipendente prima brillante si sia improvvisamente rabbuiato? Hai ricevuto lo sfogo di qualcuno, o qualcun altro si è lamentato di aspetti negativi del lavoro?

Parla con i tuoi dipendenti! Fissa con loro dei momenti in cui parlare, anche a ruota libera, e cerca di approfondire il problema e il ruolo che puoi ricoprire nella sua risoluzione.

Condividere il successo

Sei in un momento particolarmente prosperoso per la tua attività? Ricorda che il successo non è mai di una persona sola, sono tante le figure che concorrono alla sua realizzazione.

Incentiva e premia i collaboratori, o cerca di far trasparire in ogni modo quanto tu sia loro grato per l’ottimo lavoro che stanno svolgendo!

Supportare i nuovi arrivati

Nuovo dipendente in arrivo? Presentalo in modo appropriato al resto della brigata, supporta il suo inserimento fornendogli tutte le informazioni di cui ha bisogno.

Il primo giorno può essere un incubo, se non vieni accompagnato nel modo giusto: il tuo obiettivo sarà accompagnarlo gradualmente nel suo nuovo lavoro, introducendolo ai colleghi correttamente!

La vita oltre la cucina

Sai che per quanto ami il tuo lavoro, la vita è ciò che accade quando esci dal ristorante? Quello che vogliamo dirti è che gli orari di lavoro devono essere umani, sostenibili e permettere ai tuoi dipendenti di vivere, non di sopravvivere.

Sii corretto e rispettoso dei loro impegni, loro lo saranno con te quando chiederai loro qualcosa!

Cosa pensi dei nostri suggerimenti? Che esperienze hai avuto con la tua brigata? Non vediamo l’ora di conoscere la tua storia! Se vuoi parlare con noi dei metodi funzionali a rendere coesa la brigata… Contattaci!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Un gestionale per ristorante probabilmente ti serve, ma forse non lo sai. Dalla gestione delle ordinazioni alle scorte di magazzino, le opportunità che i programmi possono garantire sono molteplici.
Leggi guida
Il food cost - ma soprattutto il suo calcolo - è uno degli elementi più importanti per il bilancio di un’attività ristorativa. Andiamo più a fondo con la guida, per ripassare o scoprire l’argomento!
Leggi guida
Job on call, contratto a chiamata, contratto di lavoro intermittente: cambiano i nomi, ma non la sostanza. Cos’è questo contratto, a chi conviene e come strutturarlo? Rispondiamo in questa guida!
Leggi guida