Homepage>Guide per le aziende>News del settore Ho.Re.Ca.>Stelle michelin: come funziona l'assegnazione e come ottenerne una
time5 minuti di lettura

Stelle michelin: come funziona l'assegnazione e come ottenerne una

Stella michelin

Indice dei contenuti

Ah, le Stelle Michelin… Quale gestore di un’attività del settore della ristorazione non ha mai desiderato di ottenerne almeno una nel corso della propria vita? Per molti è solo un simbolo, un piccolo adesivo da apporre sulla vetrina del locale, ma per tutti i sognatori che operano in questo campo è in realtà sinonimo di successo e valore. Un po’ come entrare nella guida Michelin dei ristoranti, anche il processo di assegnazione delle stelle segue criteri e requisiti ben precisi, e noi siamo qui per raccontarteli: la tua ambizione è anche la nostra ambizione!

Come funziona l'assegnazione delle Stelle Michelin?

Innanzitutto bisogna sapere che non esiste un numero fisso di stelle assegnabili nel corso dell’intera vita di un’attività, questo dipende dalla qualità del ristorante e dalla quantità totale degli stessi candidati ad ottenerle. Ci sono stati ristoratori che nel corso della loro carriera hanno addirittura collezionato più di 30 stelle! La valutazione è effettuata da parte di un ispettore Michelin incaricato che farà partire una segnalazione e una volta seduto al tavolo avrà il compito di analizzare, con un voto da 1 a 5, la globalità di un locale (dall'arredamento alla cucina, passando per il servizio). A questa vengono poi applicati dei coefficienti per determinare il numero effettivo di stelle che verranno assegnate. In caso di riscontro positivo, si riceverà una delle telefonate migliori della vita: quella in cui verrà comunicato di aver ottenuto la Stella - o le Stelle - Michelin!

Con questa procedura non si può semplicemente sperare di essere fortunati. Infatti, per ottenere le Stelle Michelin, non bisogna essere solo particolarmente bravi in cucina, quanto piuttosto eccellere nell'ospitalità: le strutture che ricevono questo prestigioso riconoscimento sono infatti poche ma accuratamente selezionate. Ma quanto costa una stella o comunque qual è il suo valore? Si tratta di un'espressione di giudizio molto positivo che non ha prezzo! Dopo averla ricevuta infatti si entrerà a far parte della Guida Michelin, un elenco dei migliori locali che, per questo motivo, è solita premiare solo i ristoranti che offrono una cucina di altissimo livello. E noi scommettiamo che non vedi l’ora che ci sia anche il tuo!

Regole della guida Michelin

Il sistema di assegnazione delle stelle Michelin è piuttosto rigido, non solo in Italia ma in tutti i Paesi che vi aderiscono. La guida gastronomica più famosa al mondo, infatti, valuta i ristoranti in base ad alcuni importanti criteri per garantire ai propri lettori una scelta sempre più ampia e di alto livello. E in ogni caso stiamo parlando di un momento chiave della carriera di molti ristoratori, quindi non potrebbe essere altrimenti! La valutazione avviene sulla base di parametri che tengono conto dell'arredamento, la cucina, il servizio, le carte dei vini e i rapporti qualità-prezzo.

Per ottenere una stella Michelin, i ristoratori devono essere innanzitutto in grado di offrire piatti di altissima qualità, realizzati con ingredienti di prima scelta. Inoltre, il personale deve essere molto professionale ed efficiente, e il locale deve essere impeccabile sia dal punto di vista estetico che igienico. I ristoranti che ricevono una stella Michelin per tutte queste ragioni sono solitamente molto costosi, ma la qualità del cibo è decisamente senza paragoni: provare per credere!

Le stelle si possono perdere?

Se è vero che un diamante è per sempre, le Stelle Michelin purtroppo no. Quindi la risposta a questa domanda è sì, le stelle Michelin possono essere tolte: questo avviene se la qualità del locale non rispetta più i requisiti previsti dalla guida. Non sarà sufficiente che il ristorante mantenga un livello elevato, anche se ovviamente questo giocherà sempre un ruolo importante. Se sul mercato dovessero entrare nuove attività, la stella potrebbe essere persa facilmente qualora ci fosse un ristorante più competitivo che la meriti di più.

La perdita di una stella non è mai un episodio felice: da una parte, potrebbe essere un problema per il locale che perderà, almeno in minima parte, la sua rinomanza; dall’altra sarà una vera e propria delusione per il suo titolare che avrà sicuramente riposto impegno e dedizione in questa grande missione, la più ambita da tutti coloro che possiedono un’attività del settore. In ogni caso questo avvenimento non dovrebbe mai essere vissuto come un fallimento, quanto piuttosto come una motivazione a dare di più e continuare a innovare le proposte culinarie per rendere felici e appagati i propri clienti. Non dimenticarti che è soprattutto la loro soddisfazione ad essere importante, certo non come una stella Michelin… Ma alla fine sono loro che pagano il conto!

Mentre tu sei impegnato a manifestare tutto il tuo talento tra le mura del tuo locale, il nostro è diretto nella ricerca del personale per la ristorazione: possiamo parlare insieme di un piano di servizi personalizzato, tra cui i nostri corsi di formazione aziendale, per aiutarti a costruire il tuo business. Non vediamo l’ora di conoscerti!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Gli italiani che durante la pandemia non hanno imparato a cucinare hanno alimentato il mercato delle consegne a domicilio. Ma la crescita del delivery per i ristoratori come va interpretata nel 2021?
Leggi guida
Cerchi ispirazione, oppure vuoi semplicemente rimanere aggiornato sulle ultime novità? Lo immaginavamo, ecco perché abbiamo preparato una guida ad hoc per le tue esigenze! Buona lettura!
Leggi guida
Un fenomeno molto in voga, quello delle Dark Kitchen. Se desideri lanciarti in questo nuovo format, ci pensiamo noi a darti tutte le informazioni che cerchi!
Leggi guida