Homepage>Guide per le aziende>News>Dark kitchen: che cosa sono e come aprirne una
time5 minuti di lettura

Dark kitchen: che cosa sono e come aprirne una

Un fenomeno molto in voga, quello delle Dark Kitchen. Se desideri lanciarti in questo nuovo format, ci pensiamo noi a darti tutte le informazioni che cerchi!

cosa sono le dark kitchen

Indice dei contenuti

Tra le nuove tendenze nella ristorazione dopo l’emergenza sanitaria c’è senz’ombra di dubbio quella della dark kitchen. Ma a cosa ci si riferisce con questo termine, e quali sono le informazioni da non perdere su questo fenomeno in rapida espansione?

Cosa sono le dark kitchen?

Sviluppate soprattutto durante il periodo di massima emergenza da Covid-19 (e tra un attimo ne comprenderemo il motivo), le dark kitchen non sono altro che cucine che hanno una speciale peculiarità: non si trovano all’interno di un ristorante. Come è possibile, ti starai chiedendo?

Eppure è proprio così: si tratta di locali in cui l’unico spazio fisicamente presente è quello della cucina. Non ci sono tavoli e non c’è la cassa, ma soprattutto non ci sono clienti e tantomeno il personale di sala. In pratica, le uniche figure professionali a trovare il proprio posto nel mondo in una dark kitchen sono i cuochi e i rider, proprio perché i piatti che vengono preparati sono destinati ad essere consegnati ai clienti tramite il servizio del food delivery.

Come abbiamo già brevemente accennato, questo nuovo format della ristorazione ha avuto parecchio successo durante la pandemia. I benefici erano moltissimi, soprattutto quando era impossibile recarsi fisicamente al ristorante. Ecco infatti che moltissime realtà della ristorazione, dalle più piccole alle più grandi, hanno trasformato le proprie attività secondo il principio della dark kitchen, potendo risparmiare su costi rilevanti e ottenere numerosi vantaggi sfruttando proprio il servizio del food delivery.

Come funzionano? È molto semplice, lo chef si preoccupa di preparare le pietanze sulla base degli ordini ricevuti tramite le applicazioni di food delivery dedicate (oppure una semplice telefonata, ma sappiamo che questo avviene ormai di rado con le nuove piattaforme) ed ecco che entra in gioco il rider che avrà il compito di far recapitare direttamente sul pianerottolo del cliente il suo piatto preferito. Ah, se si potesse stabilire quanto guadagna un rider sulla base delle immense gioie che ci regala… D’altronde, ricevere il cibo a domicilio non è mai stato così semplice, diciamocelo!

Ghost restaurant: cosa sono e come funzionano

Dark kitchen e ghost restaurant: stiamo parlando della stessa cosa? Quasi. Se ipoteticamente li stessimo immaginando come una grande famiglia, sicuramente sarebbero parenti stretti.

Il concetto, che può sembrare molto simile, presenta una differenza determinante: le ghost restaurant (o ghost kitchen) sono realtà della ristorazione multibrand in cui più aziende del settore condividono un’unica cucina con l’obiettivo di abbattere i costi. Al contrario delle dark kitchen (che sono attività individuali) nelle ghost kitchen ogni azienda lavora a stretto contatto le altre, ma mantiene una sua identità specifica e il proprio business distinto. Chiaramente, in questa direzione, un approccio propositivo alla tecnologia non può che essere indispensabile, per sfruttare al meglio le piattaforme di food delivery, come anche imparare a conoscere alcune tecniche di marketing per ristoranti per farsi conoscere sui social media.

Ma quali possono essere i vantaggi di seguire questo concept di ristorazione? Ad esempio ridurre alcuni importanti costi fissi, ma anche riuscire a guadagnare un sempre più ampio numero di clienti, poter variare il menù con molta più semplicità… Insomma, un vero investimento.

Quanto costa aprire una dark kitchen?

Se sei rimasto affascinato dal business model delle dark kitchen (e ci piace prenderci un po’ i meriti per questo) non abbiamo dubbi che questo paragrafo sarà il tuo preferito. Sappiamo che il fattore economico non è mai irrilevante, soprattutto se si tratta di aprire la tua attività in maniera autonoma. Costruire un’attività da zero, è ovvio, non è mai cosa semplice.

Proprio per questo è importante fare delle valutazioni iniziali di un certo tipo, come ad esempio se disponi dei fondi necessari, se sei eventualmente disposto a richiedere un finanziamento, se desideri appoggiarti al franchising. Ma anche e soprattutto che prodotti vuoi vendere, quante persone assumere… Insomma, pensare a tutte queste cose sarà assolutamente indispensabile: solo tenere sott’occhio il quadro generale della situazione potrà aiutarti ad avere una panoramica su tutti i costi che dovrai sostenere.

Il vantaggio delle dark kitchen, come abbiamo già brevemente accennato, è sicuramente quello di avere meno costi fissi. Basse spese di affitto (trattandosi solo di un locale adibito a cucina) ma soprattutto costi del personale ridotti. Ma quindi di quanti soldi stiamo parlando, all’incirca, se desideri aprire una dark kitchen? All’incirca tra i 50 000€ e i 100 000€. Se queste cifre non ti spaventano, non smettere di seguire il tuo sogno!

Personale che devi assumere nel tuo ghost restaurant

I costi del personale saranno ridotti, certo, ma non inesistenti. Per il corretto funzionamento di ogni attività è indispensabile che ci sia una squadra ben formata e coesa al raggiungimento di un solo obiettivo: rendere la tua realtà la migliore sul mercato. In quest’ottica, quali professionisti del settore dovrai quindi assumere?

Se abbiamo detto che in questo format ristorativo la vera protagonista è la cucina senza dubbio non possono mancare gli chef, che avranno la responsabilità di occuparsi della preparazione dei piatti. Ma non solo, dovendosi appoggiare ai servizi di food delivery sarà necessario coinvolgere nella tua squadre due importanti figure professionale: rider e picker. I primi si occupano di consegnare il cibo nel luogo prestabilito dal cliente, mentre i secondi si occupano di preparare le pietanze per il trasporto prima della consegna, in modo tale che il servizio si svolga in maniera rapida ed efficiente. Inoltre, potrai anche valutare di assumere una persona addetta alla comunicazione e anche alla situazione contabile e amministrativa. Non abbiamo dubbi che metterai su una squadra fantastica!

E a proposito di ricerca e selezione del personale, puoi sempre affidarti a noi! Siamo un’agenzia per il lavoro 100% digitale e possiamo aiutarti a trovare persone di talento da inserire nella tua nuova dark kitchen con i nostri servizi di somministrazione di lavoro e outsourcing. Non vediamo di conoscerti e parlare insieme delle proposte più adatte a far crescere il tuo business.

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Sogni da sempre di aprire la tua attività ristorativa nel 2021/2022 e non sai che puoi usufruire di fondi europei per la ristorazione, fondo perduto e incentivi statali? Ecco un articolo che non puoi perderti!
Leggi guida
Quello della ristorazione è un settore ampio e variegato, che si può dividere in due grandi macroaree: quello della ristorazione commerciale e collettiva. In questa guida ti spieghiamo quali sono le differenze, per aiutarti a risolvere ogni dubbio!
Leggi guida
Rapido, immediato, smart, pronto al consumo. Quel genere di pasto che si consuma in pausa pranzo o quando si ha poco tempo: andiamo alla scoperta di tutti i segreti della ristorazione veloce!
Leggi guida