time5 minuti di lettura

Green pass bar e ristoranti: le regole da seguire per i gestori di locali

Green pass

Indice dei contenuti

Covid e ristoranti sono due termini che non sono andati per niente d’accordo durante la maggior parte del biennio 2020/2021. Se sei un gestore di un locale del settore della ristorazione sicuramente ci sono pochi dubbi sul fatto che l’emergenza sanitaria ha messo a dura prova il tuo esercizio commerciale. Zona rossa, zona arancione e poi - finalmente - zona gialla e bianca permettendo, la ripresa per tutte le attività è stata lenta e per certi versi dolorosa.

Non sono potuti mancare compromessi e sacrifici, e sicuramente l’introduzione del green pass per recarsi in tranquillità all’interno di bar e ristoranti ha riacceso un po’ di perduta speranza. È anche vero che nessuno era preparato a questo nuovo scenario e dato il continuo aggiornarsi dei decreti un po’ di confusione è assolutamente normale. Soprattutto da quando è entrato in vigore il super green pass (o green pass rafforzato). Grazie a questa guida Camerieri.it vuole fornire informazioni utili sulla sua corretta gestione, con l’obiettivo di aiutare chi opera nel settore della ristorazione a fare chiarezza.

Regole e green pass nei ristoranti

Il motivo per cui bar e ristoranti sono stati una delle prime categorie di attività a subire restrizioni con l’insorgere della pandemia da Coronavirus sembra essere abbastanza chiaro. È parecchio complesso in questi luoghi seguire per filo e per segno le disposizioni del Governo e permettere ai clienti di poter trascorrere la loro permanenza in sicurezza. D’altronde, quando andiamo a mangiare fuori o anche semplicemente a prendere un caffè, ci piace sentirci coccolati e stare in compagnia delle nostre persone preferite, e stare attenti può risultare davvero difficile. Anche quando ci sono regole da seguire.

In particolare queste sono sempre dipese dai colori delle zone a cui le regioni della nostra amata Italia venivano assegnate. Chi si trovava in zona bianca poteva respirare un po’ di meritata libertà, ma lo stesso non si poteva dire per chi si trovava in zona rossa. Ci siamo sempre impegnati per stare al passo con i decreti e rispettare quello che ci veniva chiesto, soprattutto perché desideravamo tornare alla normalità il più velocemente possibile. Lo stesso green pass in fondo è stato introdotto proprio per questo.

Super green pass e ristoranti: come funziona?

Durante le feste natalizie, in particolare per la maggior parte del mese di dicembre 2021, la curva dei contagi è salita rapidamente grazie all’invasività della variante Omicron. È stato chiaro, giorno dopo giorno e positivo dopo positivo, che sarebbe stato necessario un intervento mirato per tutelare i cittadini. E così, dal 10 gennaio 2022 l’italia ha visto l’entrata in vigore della nuova certificazione verde, il super green pass, obbligatoria per l’accesso e la partecipazione a numerose attività. Se prima non era così indispensabile e non completamente limitante, si potrebbe dire ora che il green pass rafforzato non guarderà più in faccia nessuno. Ma cosa è possibile fare grazie ad esso?

Iniziamo con una breve rinfrescata di memoria: per super green pass si intende quella certificazione verde, valida sei mesi, che si può ottenere per:

  • Completamento del ciclo vaccinale;
  • Guarigione da Covid-19.

In poche parole esclusi dall’elenco tutti i green pass base ottenibili dai tamponi rapidi o molecolari con esito negativo. Prima del nuovo decreto questi erano comunque considerati validi per recarsi nei ristoranti o bar al chiuso, alberghi, cinema e tanto altro. Adesso invece il nuovo super green pass è ormai obbligatorio praticamente per tutto tutto, anche i ristoranti all’aperto. Se prima chi non era vaccinato o guarito poteva comunque mangiare all’aperto o consumare al bancone, da adesso e fino nuove disposizioni non sarà più possibile farlo.

L’obbligo di possedere il green pass rafforzato è stato esteso anche ai gestori e ai dipendenti di tutte le attività della ristorazione che altrimenti non potranno recarsi sul posto di lavoro. Ma c’è anche un altro aspetto su cui bisognerà prestare attenzione: la verifica di tutte le certificazioni verdi dei clienti che accederanno al locale, utilizzando l’apposita app messa a disposizione dal governo. Ricordiamo infatti che non basterà esibirla, dovrà essere proprio scannerizzata. Dovrà infatti essere sempre premura generale quella di aggiornare la lista dei green pass revocati, sempre tramite l’applicazione, e garantire così una permanenza sicura all’interno delle mura della propria attività.

I nostri consigli per gestire il tuo locale

Insomma, quel che è certo è che l’evoluzione della ristorazione dovrà tenere conto anche di questo nuovo modo di operare. Almeno fino a quando la situazione non si sarà ristabilita. Per questo vogliamo dare alcuni preziosi consigli per una corretta gestione ed osservazione delle nuove regole:

  • In primis, è necessario ricordare periodicamente a tutto lo staff che si tratta di procedure indispensabili e che non è mai saggio abbassare la guardia;
  • Se necessario è buona norma invitare i clienti a rispettare le disposizioni e cercare di reprimere comportamenti scorretti. Anche perché a rimetterci sarà il portafoglio del ristorante, che potrebbe incorrere a sanzioni piuttosto alte;
  • Sarebbe preferibile consigliare ai dipendenti l’utilizzo della mascherina FFP2, andando a sostituire quella chirurgica; questa è infatti considerata più sicura;
  • Infine una costante sanificazione di tutti gli spazi potrà avere un risvolto positivo sull’immagine del locale, oltre ovviamente a mantenere un ambiente pulito.

Noi non vogliamo certo giudicare le scelte individuali, ma se questo è l’unico modo per poter tornare a gustarci le nostre prelibatezze preferite seduti ad immense tavolate, allora forse vale davvero la pena impegnarsi per tornare alla normalità. Se desideri parlare con noi dei nostri servizi di somministrazione di lavoro e staff leasing, contattaci: teniamo alla tua attività tanto quanto te, e nulla ci renderebbe più felici di aiutarti ad accrescere il tuo business!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Quello della ristorazione è un settore ampio e variegato, che si può dividere in due grandi macroaree: quello della ristorazione commerciale e collettiva. In questa guida ti spieghiamo quali sono le differenze, per aiutarti a risolvere ogni dubbio!
Leggi guida
Stai valutando se aprire un’attività ristorativa ma non hai ancora chiare le varie tipologie di ristorazione? Se vuoi approfondire questo argomento, la nostra guida fa esattamente al caso tuo!
Leggi guida
Quali sono i trend che spopolano nel mondo della ristorazione? Tra nuove proposte e curiosità, scopriteli nella nostra guida!
Leggi guida