Homepage>Guide per le aziende>Competenze & Gestione>Restaurant Manager: quali sono i benefici della sua presenza?
time4 minuti di lettura

Restaurant Manager: quali sono i benefici della sua presenza?

Il restaurant manager è una figura indispensabile, per i punti di ristoro intenzionati a crescere in modo sostenibile! Chi è questa figura già lo sapete, ma andiamo più a fondo nella questione.

Restaurant Manager: quali sono i benefici della sua presenza?

Indice dei contenuti

Si tratta di una professione nuova fino a un certo punto, perché sono ormai diversi anni che si è affermata come “indispensabile” per i punti di ristoro, specialmente quelli appartenenti a un sistema di franchising.

Sono molte le università che propongono percorsi di formazione o master specializzati su questo percorso, perché è ormai chiaro quanto questo mestiere sia richiesto dalle aziende. Ecco perché con ogni probabilità sei qui per saperne di più!

Sappiamo i dubbi che possono assalire un imprenditore o titolare di attività ristorativa, al pensiero di affidare il suo locale a un’altra persona che - per quanto competente e professionale - non sarà mai come chi all’attività ha dato vita.

Proprio perché ne siamo a conoscenza, intendiamo spiegare quali siano i reali benefici derivanti dalla presenza di un restaurant manager. Non si tratta solo di una persona che dice agli altri cosa fare e vi chiama a fine giornata… c’è molto di più!

Restaurant manager: il professionista dalla gestione ristorativa

Quando pensiamo a questa figura, è indiscutibile il fatto che abbia maturato esperienza nel settore, sia capace, conosca il mercato, le materia prime, la gestione delle risorse presenti in store e sia animato da skill manageriali.

Si tratta di una persona in grado di svoltare in positivo l’andamento di un’attività, se si effettua il giusto processo di ricerca e selezione nei suoi confronti. Ecco alcune delle competenze che lo rendono strategico per l’attività di ristorazione!

Know-how del mercato di riferimento

Nonostante esistano virtuose eccezioni, il restaurant manager ha già svolto mansioni analoghe in contesti affini. Questo perché - per poter svolgere questo mestiere - deve conoscere il mercato di riferimento, i competitor, i trend della ristorazione e della comunicazione ristorativa.

Non a caso, molto spesso si cerca di selezionare risorse provenienti dai competitor più agguerriti! I mercati ristorativi infatti sono suscettibili di mode che riguardano l’arredamento, il food design, le materie prime: una persona già addentro a queste dinamiche non può che essere un vantaggio!

Supervisione delle risorse presenti in loco

Non è un HR, ma sa come muoversi nell’ambito della gestione delle risorse. Può occuparsi infatti dell’individuazione delle figure da assumere, supervisionare i KPI e preoccuparsi delle pratiche burocratiche e amministrative dei dipendenti.

Anche la coesione della brigata è sua responsabilità: può mettere in piedi attività di team building, oppure accertarsi che gli organigrammi funzionino e che le comunicazioni interne avvengano nel modo giusto.

Supporto nella stesura dei menù e nella cura della cantina

Conosce la ristorazione, noi speriamo che sia anche un’ottima forchetta! Quello che è indubbio è il fatto che il restaurant manager provetto supporta lo chef nella definizione dei menù, con attenzione alle proposte stagionali e alla materia prima.

Lo stesso supporto viene fornito al sommelier per quanto concerne la cantina e la carta dei vini, se necessario. Questo perché un valido restaurant manager ha identificato la clientela abituale e sa come rispondere direttamente alle loro esigenze culinarie.

Leadership, problem solving e abilità relazionali

Quali competenze trasversali sono essenziali al restaurant manager dei vostri sogni? L’essere umano è unico, ma alcune skill ci sembrano comuni a tutti coloro che svolgono questo lavoro in modo eccellente.

  • Leadership: ovviamente empatica, ma in grado di trasmettere solidità al personale dello store, in modo che si fidi di lui e delle sue indicazioni;
  • Problem solving: manca il tavolo? manca un ingrediente? Il restaurant manager saprà sicuramente come uscirne, salvando il ristorante da una potenziale figuraccia!
  • Abilità relazionali: deve interfacciarsi con tutte le personalità del locale, nessuno escluso. Deve essere a proprio agio tra le persone, sapere come modulare il proprio linguaggio e mettere le persone in comunicazione tra loro.

Contabilità: food cost, costo del personale e molto altro

Non importa che il vostro reparto di amministrazione e contabilità sia già ferrato su questi argomenti: il restaurant manager provetto deve conoscere questi elementi di bilancio per far fronte alle varie necessità dello store.

Il calcolo del food cost è essenziale in fase di definizione della dispensa e del menù, mentre conoscere come calcolare il costo del personale in vista di nuove assunzioni o riorganizzazioni. Non deve essere un contabile, sia chiaro: ma queste conoscenze gli agevolano parecchio il lavoro!

Sei sempre più convinto a voler ricercare questa figura? Affidati a noi! Come il restaurant manager ha conoscenza del mercato di ristorativo, noi la abbiamo verso il mercato del lavoro pertinente all’Ho.Re.Ca.; sei vuoi approfondire con noi, contattaci!

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Il tuo ristorante potrebbe rendere di più, se adottassi una strategia comunicativa diversa. Ma non è il momento di investire somme consistenti! Allora, come pubblicizzare un ristorante gratis?
Leggi guida
Aprire un’attività come un ristorante è una di quelle decisioni che cambiano la vita. Ma dirlo non è come farlo, e una buona idea è scoprire prima come fare il business plan di un ristorante!
Leggi guida
Quali sono gli errori da evitare nel mondo della ristorazione? Cosa permette a un’attività ristorativa di eccellere? Le risposte a queste domande non sono scontate, ecco perché abbiamo preparato una guida ad hoc!
Leggi guida