Homepage>Guide per le aziende>News>Le nuove tendenze nella ristorazione dopo il Covid-19
time4 minuti di lettura

Le nuove tendenze nella ristorazione dopo il Covid-19

Non possiamo sapere a priori se sarà possibile per il settore della ristorazione trarre vantaggio dall'esperienza acquisita durante la pandemia da Coronavirus. Nel frattempo però, scopriamo insieme in questa guida quali tendenze torneranno certamente utili per il futuro.

Le nuove tendenze nella ristorazione dopo l'emergenza sanitaria

Indice dei contenuti

Il settore della ristorazione è stato uno tra i più colpiti dalla pandemia globale che ci ha colpito da quasi a due anni a questa parte. Era inevitabile, data l’impossibilità per locali e ristoranti di poter accogliere i clienti durante i periodi di chiusura imposti dai vari decreti. Per fortuna, come per ogni situazione nuova che lascia sempre qualche traccia, anche da questa esperienza sarà possibile per chi lavora nel settore trarre vantaggio per il futuro. Come? Scopriamo insieme in questa guida le nuove tendenze per il tuo ristorante ereditate dalla pandemia di Coronavirus.

Risollevarsi dopo la crisi

Era marzo 2020 quando il settore della ristorazione chiuse definitivamente le serrande alla clientela. Senza alcuna certezza e ancor meno speranza, molti ristoratori si prepararono psicologicamente a dichiarare il fallimento delle loro attività. E purtroppo qualcuno di loro si è ritrovato costretto a farlo.

Da quel momento in poi i successivi decreti non promisero niente di buono, e l’unica alternativa per chi era riuscito a stento a rimanere “in piedi” era attrezzarsi in tutti i modi possibili per continuare a lavorare. Anche perché in quella situazione drammatica, pensare di tornare alla normalità non sarebbe stato possibile nel breve periodo.

Asporto e domicilio, le parole del futuro

Quando finalmente la situazione cominciò a stabilizzarsi, fu chiaro sin da subito che la tendenza più facile ed efficace da applicare sarebbe stata quella del servizio da asporto e take away, i due food trend più in voga dell’anno passato. I decreti emessi durante il primo periodo di emergenza infatti consentivano gli spostamenti per il ritiro delle pietanze direttamente al locale e incoraggiavano le attività ad attrezzarsi per il servizio di food delivery. Questo è stato e sarà utile anche in ottica di touchless experience, ossia di ridurre i contatti all’interno del ristorante, possibili cause di contagio.

Digitalizzarsi, che passione!

Considerando la quantità di tempo che tutti noi passavamo davanti agli schermi, era necessario puntare sulla digitalizzazione della propria attività, investendo proprio in questi termini. Chi creando la propria pagina social, chi sfruttando le app di food delivery, chi facendosi marketing online da solo, molte realtà sono riuscite a creare per se stesse valore aggiunto e novità. Elementi utilissimi, si sa, anche per la ristorazione del futuro.

Spazi all’aperto: rispettare le distanze respirando aria pulita

Dopo il lockdown, spingere sull’utilizzo degli spazi esterni al proprio locale senza è stata senz’altro una strategia vincente. Non solo perché in questo modo si poteva garantire il distanziamento sociale e quindi la sicurezza ai clienti, ma anche perché è sempre piacevole stare all’aperto gustando il proprio piatto preferito. Ottima soluzione anche come “vetrina” per ogni locale, risultava infatti elemento di attrattività per la clientela di passaggio che ci fossero gli spazi esterni per sedersi.

Certo è stato più semplice quando era consentito estendere la propria attività anche all’esterno non pagando la tassa sul suolo pubblico, ma sicuramente è un buon investimento per ogni ristorante.

Avere cura dell’ambiente come delle persone

In un periodo storico dove era fondamentale tutelare la propria salute e quella delle altre persone, si è anche riscoperta la passione e la cura per l’ambiente. Data la facilità di propagazione del virus, ordine e pulizia degli spazi di lavoro dovevano essere all’ordine del giorno per garantire la sicurezza dei clienti. Questa tendenza nel futuro ridurrebbe notevolmente la facilità di contagio del Coronavirus, sia lato consumatori che personale addetto alla ristorazione.

Si è poi riscoperto il valore dei produttori locali, dei prodotti a km0, dell’importanza di riciclare. Diventando una una tematica centrale adottata da più settori, la sostenibilità legata al digitale è sempre più in voga. Ad esempio con l’insorgere di numerose applicazioni volte a tutelare gli sprechi di cibo, oppure di food delivery in ottica green (utilizzando mezzi di trasporto non inquinanti). Tutte soluzioni ed idee per ristoranti innovativi, in direzioni sempre più sostenibili.

Adesso che conosci le nuove tendenze, che ne dici di trovare i talenti da inserire nel tuo ristorante innovativo? Non vediamo l’ora di presentarti i nostri candidati nelle diverse province.

Ti è piaciuta la guida? Condividila!

Potrebbe interessarti...

Quali sono i trend che spopolano nel mondo della ristorazione? Tra nuove proposte e curiosità, scopriteli nella nostra guida!
Leggi guida
Rapido, immediato, smart, pronto al consumo. Quel genere di pasto che si consuma in pausa pranzo o quando si ha poco tempo: andiamo alla scoperta di tutti i segreti della ristorazione veloce!
Leggi guida
Gli italiani che durante la pandemia non hanno imparato a cucinare hanno alimentato il mercato delle consegne a domicilio. Ma la crescita del delivery per i ristoratori come va interpretata nel 2021?
Leggi guida